mercoledì 13 gennaio 2016

Recensione: Zelda di Connie Furnari

Come promesso, eccoci alle recensioni delle nostre penne italiane. Cominciamo con "Zelda".



Autrice: Connie Furnari

Genere: Racconto - Urban Fantasy

Pagine 52

Prezzo: 0,99 Ebook
             3,93 Cartaceo

Formato: Ebook/ Cartaceo

Edito: Self Publishing



Trama:

Quando Zelda riapre gli occhi, dopo aver perduto un duello a colpi di magia, si ritrova in un corpo che non è il suo. Non ha più i capelli biondi ma neri e striati di viola; indossa abiti new gothic e non i suoi soliti jeans scoloriti. Sheila, che un tempo era la sua migliore amica, ha deciso di scambiare le loro vite con un incantesimo. Mentre è immobilizzata e in attesa di morire, Zelda ricorda il giorno in cui i poteri magici si sono manifestati: il suo sedicesimo compleanno. Non pensava, fino a poche settimane prima, che avrebbe dovuto lottare contro la magia nera di Salem, per salvare se stessa e Paul, il ragazzo mortale di cui è innamorata. Zelda è una fiaba urban fantasy che rievoca lo stesso stile incantato dei racconti delle fate; una storia che alterna momenti di tenerezza, di azione e di coraggio. L’esperienza di una ragazzina come tante, pasticciona ma con un gran cuore, che scopre quanto sia difficile crescere, con o senza poteri magici.



Dopo un'adolescenza fatta di sorelle Bronte e Dostoevskij, seguita da un lungo periodo di historical e contemporary romance, mi sto riaffacciando al fantasy, in tutte le sue declinazioni.


Quando ho trovato Zelda in offerta su amazon ho deciso di dargli una chance e devo dire che non me ne sono pentita. Il racconto di Connie Furnari è breve ma coinvolgente, l'uso della magia immaginifico ma coerente.

Zelda e Sheila sono legate sin dall'infanzia da un'amicizia spigolosa e ricca di chiaroscuri. 

Due storie familiari diversi e caratteri opposti le porteranno sull'orlo del disastro.

Zelda, la classica brava ragazza, forse un po' immatura, sarà costretta a crescere in fretta e aprire gli occhi sulle persone che ha intorno e sul loro modo di fare. Sheila, invece, si arrenderà al rancore e all'invidia. Fino a che...

Il racconto mi è piaciuto molto, anche se ci sono stati due punti che non ho gradito: la velocità con cui si è sviluppato il rapporto tra Paul e Zelda, e il ruolo che la protagonista avrà nella sua congrega, che ho trovato francamente eccessivo per un personaggio già abbastanza "forte". (Tutti i giri di parole sono per evitare spoiler!)

Insomma, se amate la magia e desiderate una lettura veloce, Zelda è una lettura consigliata!


Compralo su: Amazon

Nessun commento:

Posta un commento